The WeddingEve.it

Finalmente il mio sito è online. Devo dire che ci sono volute settimane di lavoro e non è ancora completo… Ma ho pensato che ad un certo punto dovevo per forza metterlo online. Per migliorarlo c’è sempre tempo.

Ovviamente tutti i suggerimenti e, si, anche le critiche sono ben graditi.

Ovviamente per visitarlo dovete andare su: www.theweddingeve.it

The WeddingEve - Wedding Planner Milano

The WeddingEve – Wedding Planner Milano

Eva D’Angiola

The WeddingEve – Wedding Planner Milano

Scrivimi: info@theweddingeve.it

Grilled Chocolate Sandwiches

The WeddingEve - Wedding Planner Milano

Chi conosce i Croque Monsieur? Sono delle fette di pane farcite con formaggio e prosciutto immerse in un composto di latte ed uova e poi fritte. Li trovate sovente nelle colazioni intercontinentali. Qui vi posto una variante, ovviamente americana, molto piu’ golosa e davvero semplice da preparare. Sarà la gioia di adulti e piccini.

Ingredienti:

2 uova

2 cucchiai di latte

4 fette grandi di pane in cassetta (tipo quello del Mulino Bianco)

100 gr di cioccolato semidolce

2 cucchiai di burro

Zucchero a velo per spolverare

Preparazione:

In un grande piatto fondo, sbattete insieme le uova e il latte.

Cospargete due fette di pane con il cioccolato (rompetelo se necessario). Sovrapponete le altre due fette di pane ed immergetele i sandwich ottenuti nel composto di uova e latte.

Mettete il burro in una padella antiaderente e quando sarà completamente sciolto porre nella padella i due sandwich. Cuoceteli fino a doratura, circa 1 o 2 minuti, aiutandovi con una paletta per girarli. Riponeteli quindi su un piatto con carta assorbente per tamponare l’unto eccessivo. Quindi tagliate i due sandwich a metà e spolverateli con lo zucchero a velo prima di servirli.

Eva D’Angiola

The WeddingEve – Wedding Planner Milano

Scrivimi: info@theweddingeve.it

 

Cosmopolitan Cocktail

The WeddingEve - Wedding Planner MilanoQuesta volta, in controtendenza rispetto al solito, voglio postare la ricetta di questo delizioso cocktail. Ok, ok, per chi conosce “Sex & the City” non dovrebbe essere una novità. In realtà lo è per me perchè non amo particolarmente i cocktail ma questo con le sue note fresche lo apprezzo particolarmente. Ed allora voglio riportarvi la ricetta originale. Ovviamente dovrete dotarvi anche dei bicchieri giusti, quelli da Martini, altrimenti non potrete apprezzarlo appieno.

Ingredienti:

2,8 cl di vodka
1,4 cl di triple sec (ovvero Curacao, Grand Marnier o Cointreau)
1,4 cl  di succo di lime
1,4 cl di succo di mirtillo

Procedimento:

Agitare vigorosamente nello shaker vodka, triple sec, lime e succo di mirtillo con ghiaccio. Versate  il cocktail in un bicchiere da Martini in vetro; guarnite con uno spicchio di lime sul bordo e servite.

Eva D’Angiola

The WeddingEve – Wedding Planner Milano

Scrivimi: info@theweddingeve.it

Matrimonio a tema: le farfalle

Il tema della farfalle è sempre molto richiesto. Ovviamente si presta meglio per eventi organizzati in primavera che prevedano se non il pasto quantomeno l’aperitivo all’aperto. A mio parere se si sceglie un tema per il matrimonio o comunque per un evento in generale bisogna essere fedeli al tema scelto e richiamarlo in ogni aspetto.

Quindi partiamo con le partecipazioni e cerchiamo qualche ispirazione:

The WeddingEve - Wedding Planner Milano

The WeddingEve - Wedding Planner Milano

The WeddingEve - Wedding Planner Milano

The WeddingEve - Wedding Planner Milano

The WeddingEve - Wedding Planner Milano

The WeddingEve - Wedding Planner Milano

The WeddingEve - Wedding Planner Milano

The WeddingEve - Wedding Planner Milano

The WeddingEve - Wedding Planner Milano

The WeddingEve - Wedding Planner Milano

Dopo aver scelto il tema, il colore ed anche le partecipazione dobbiamo trarre ispirazione per le decorazioni:

The WeddingEve - Wedding Planner Milano

The WeddingEve - Wedding Planner Milano

The WeddingEve - Wedding Planner Milano

The WeddingEve - Wedding Planner Milano

The WeddingEve - Wedding Planner Milano

The WeddingEve - Wedding Planner Milano

The WeddingEve - Wedding Planner Milano

The WeddingEve - Wedding Planner Milano

The WeddingEve - Wedding Planner Milano

The WeddingEve - Wedding Planner Milano

The WeddingEve - Wedding Planner Milano

The WeddingEve - Wedding Planner Milano

The WeddingEve - Wedding Planner Milano

Se siete proprio patite delle farfalle sarebbe bello riprenderle anche sul vestito:

The WeddingEve - Wedding Planner Milano

The WeddingEve - Wedding Planner Milano

The WeddingEve - Wedding Planner Milano

The WeddingEve - Wedding Planner Milano

…e nel bouquet:

The WeddingEve - Wedding Planner Milano

The WeddingEve - Wedding Planner Milano

The WeddingEve - Wedding Planner Milano

Passiamo ora al “tableau Mariage” o comunque i segnaposto:

Alcuni li potete trovare in questo articolo. Altri possono essere questi:

The WeddingEve - Wedding Planner Milano The WeddingEve - Wedding Planner Milano

The WeddingEve - Wedding Planner Milano

The WeddingEve - Wedding Planner Milano

The WeddingEve - Wedding Planner Milano

The WeddingEve - Wedding Planner Milano

Le farfalle sopra nascono come decorazione ma al posto dei messaggi si possono tranquillamente inserire i nomi dei tavoli e degli invitati…

The WeddingEve - Wedding Planner Milano

Bene, ora che abbiamo trovato ispirazione per i segnaposto pensiamo alla decorazione per la tavola, ovvero i centrotavola:

The WeddingEve - Wedding Planner Milano

The WeddingEve - Wedding Planner Milano

The WeddingEve - Wedding Planner Milano

The WeddingEve - Wedding Planner Milano

The WeddingEve - Wedding Planner Milano

The WeddingEve - Wedding Planner Milano

The WeddingEve - Wedding Planner Milano

Ci sono anche i “favor” o comunque i regali per gli ospiti di cui tener conto:

The WeddingEve - Wedding Planner Milano The WeddingEve - Wedding Planner Milano The WeddingEve - Wedding Planner Milano

Infine vediamo la torta o comunque i dolci di accompagnamento:

The WeddingEve - Wedding Planner Milano

 

6a0120a5c8d9a9970c013480ccd8c3970c-400wi

The WeddingEve - Wedding Planner Milano

The WeddingEve - Wedding Planner Milano

The WeddingEve - Wedding Planner Milano

The WeddingEve - Wedding Planner Milano

The WeddingEve - Wedding Planner Milano

The WeddingEve - Wedding Planner Milano

The WeddingEve - Wedding Planner Milano

Eva D’Angiola

The WeddingEve – Wedding Planner Milano

Scrivimi: info@theweddingeve.it

Tea Time


The WeddingEve - Wedding Planner Milano
Un pomeriggio uggioso ed un incontro con amiche… Allora perchè non organizzare un Tea Time? Ma anche quando verrà primavera, sul terrazzo magari… Non ci vuole molto e se usate la solita cura che raccomando sempre potete creare dei bei momenti da passare con i vostri ospiti.

Ovviamente dovremo pensare a tre elementi essenziali: il the, i dolci, il servizio.

Prima di tutto  allora il The.

Se servite il the già pronto nella tegliera vi consiglio di usare un English Breakfast che va sempre bene. Si tratta di un the scuro e forte. Altrimenti se preferite che ogni invitato scelga quale tipo di the usare,  provvedete  a mettere nella teiera solo  dell’acqua bollente ed a parte, su un piattino se non avete la scatola porta the, disponete le bustine.

Un tocco in piu’ a parer mio sarebbe anche servire diversi tipi di zucchero in modo da venire incontro alle diverse esigenze ma anche per creare una scenografia piu’ completa. Quindi potete utilizzare lo zucchero bianco, quello di canna, le zollette di zucchero, fruttosio ed ovviamente il dolcificante o la saccarina per chi li usa.

The WeddingEve - Wedding Planner Milano

Passiamo ai dolci. Con il the sono i protagonisti di questo “momento”.  Se vogliamo stare sul classico ovviamente dovremo puntare sui biscotti, meglio se di pasta frolla e meglio se preparati da voi. Io mi sono dilettata a preparare quelli a forma di bustina da the oppure a forma di cuore. Una parte li ho glassati con del cioccolato, un’altra l’ho usata per decorare le tazze come nelle foto.

Se volete sapere come farli cliccate qui.

Potete fare anche quelli con effetto vetro di cui ho già pubblicato la ricetta ma che potete ritrovare qui.

Poi potete osare con dei Cupcakes, della marmellata, delle torte. Ovviamente se riuscirete a farle in casa saranno sicuramente piu’ gradite. Altrimenti una pasticceria puo’ sempre venire in vostro soccorso 😉

Io adoro particolarmente le torte multistrato, sono belle, buone e scenografiche.

Ve ne posto un paio di esempi. Prossimamente pubblichero’ anche qualche ricetta.

The WeddingEve - Wedding Planner Milano

The WeddingEve - Wedding Planner Milano

Passiamo alla presentazione. Usate una bella tovaglia in cotone ed un bel servizio da the. Io in casa ho tutto in porcellana bianca, molto moderna,  ma in questo caso sono dell’opinione che sia meglio eccedere ed essere leziosi. Quindi vanno bene le alzatine, sia in vetro che in porcellana, un bel tovagliato, ed ovviamente un bel servizio da the. Decorate la vostra tavola, se potete, anche con un bel vaso di fiori. Devono essere allegri, colorati. Io ci vedo molto bene i garofani 🙂

Vi posto qualche foto che ho trovato per darvi qualche idea:

The WeddingEve - Wedding Planner Milano

The Wedding Eve - Wedding Planner Milano

The WeddingEve - Wedding Planner Milano

The WeddingEve - Wedding Planner Milano

The WeddingEve - Wedding Planner Milano

The WeddingEve - Wedding Planner Milano

The WeddingEve - Wedding Planner Milano

new-hi-tea

The WeddingEve - Wedding Planner Milano

The WeddingEve - Wedding Planner Milano

credit Julia M Pusher

Colorful-Vintage-Bridal-Shower-01_large

The WeddingEve - Wedding Planner Milano

The WeddingEve - Wedding Planner Milano

The WeddingEve - Wedding Planner MilanoEva D’Angiola

The WeddingEve – Wedding Planner Milano

Scrivimi: info@theweddingeve.it

Donut (ciambelle)

The WeddingEve - Wedding Planner MilanoPer chi non fosse andato all’estero gli sarà sicuramente capitato di assaggiarle in un fast food. Si tratta dei Donuts o, in italiano, ciambelle. Peraltro sono diverse da quelle italiane, la pasta è piu’ pesante e compatta ma anche leggera. E sopra sono decorate con vari gusti…

Vale la pena di provare a farli 🙂

Intanto vi posto la ricetta:

2 bustine di lievito secco attivo
1/4 di tazza di acqua calda (105-115 gradi)
1 tazza e mezzo tazze di latte tiepido
1/2 tazza di zucchero bianco
1 cucchiaino di sale
2 uova
5 tazze di farina
olio vegetale per friggere
1/3 di tazza di burro
2 tazze di zucchero a velo
1 cucchiaino e mezzo di vaniglia
4 cucchiai di acqua calda o secondo necessità

Cospargete il lievito sopra l’acqua calda e lasciate riposare per 5 minuti, o fino a che diventa spumoso.
In una grande ciotola mescolate insieme il composto di lievito con il latte, lo zucchero, il sale, le uova, la margarina, e 2 tazze di farina. Mescolate per qualche minuto a bassa velocità con il mixer oppure con un cucchiaio di legno. Aggiungete al composto, sempre mescolando, mezza tazza di farina per volta fino a quando l’impasto non si attacca più alla ciotola. Impastate ancora per circa 5 minuti o fino a quando l’impasto diventa liscio ed elastico. Mettete l’impasto in una ciotola unta e coprite. Sistematela in un luogo tiepido a lievitare fino al doppio. L’impasto è pronto quando, toccandolo, rimane il buco.
Girate la pasta su una superficie infarinata, e delicatamente stendetela fino a 1 cm di spessore. Tagliate con un cutter da ciambella infarinato le varie forme. Oppure usate due tagliapasta rotondi, uno piu’ grande per tagliare la ciambella ed un piu’ piccolo per il buco. Lasciate le ciambelle a riposo, coperte con un panno, finchè non crescono fino al doppio.
Fondete il burro in una casseruola a fuoco medio. Inserite e mescolate lo zucchero a velo e la vaniglia fino che il composto non risulti liscio. Togliete dal fuoco, e mescolate in acqua calda un cucchiaio alla volta fino a quando la glassa è un po ‘sottile, ma non acquosa. Mettete quindi da parte.
Scaldate l’olio in una padella grande e pesante oppure usate la figgitrice. Fate scorrere le ciambelle nell’olio caldo con una spatola larga. Girate ciambelle man mano che salgono in superficie. Friggete le ciambelle su entrambi i lati fino a doratura. Toglietele dall’olio caldo e scolarlee su una gratella o su carta assorbemnte. Immergete le ciambelle nella glassa ancora calde e sistemarle sulle griglie per drenarne l’eccesso. Ovviamente mettete una foglio di carta stagnola sotto la griglia per facilitarne la pulitura.

Buon divertimento!

Eva D’Angiola

The WeddingEve – Wedding Planner Milano

Scrivimi: info@theweddingeve.it

Feste a tema: party spagnolo

img_3415La Spagna, non c’è dubbio, è una nazione calda e allegra. Io quando posso ci vado perchè amo le sue città, la cucina, la gente… Pertanto perchè non pensare di organizzare un party a tema spagnolo??

Vediamo quindi come fare. Innanzitutto dobbiamo decidere se fare una cena al tavolo o un buffet. In entrambi i casi dobbiamo puntare sui cibi e sull’atmosfera.

Quindi partiamo dal menu.

Senza alcun dubbio dobbiamo buttarci sulle tapas poi eventualmente (anzi in realtà sarebbe auspicabile) su una paella!!. Quando, a suo tempo, organizzai la mia di festa “spagnola” ebbi non poche difficoltà a trovare le ricette per le tapas ma poi ci riuscii e fu’ un successo.

L’importante è saper organizzare le tempistiche per non dover spadellare durante la sera quando ci sono gli ospiti.

pinchos_tapas_banezaPer chi non lo sapesse le tapas sono un’ampia varietà di preparazioni alimentari tipiche della cucina spagnola che vengono consumate come aperitivi o antipasti. Vediamo quindi quali si possono preparare:

  • Olive (aceitunas)
  • Almendras fritas: mandorle fritte e salate
  • tortilla de patata
  • polpette (albondigas)
  • aioli, salsa a base di aglio e olio d’oliva dal sapore forte e servita sul pane come antipasto o aperitivo
  • bacalao, merluzzo saltato servito molto lentamente e generalmente con pane e pomodori
  • boquerones, acciughe bianche servite sotto aceto (en vinagre) o fritte (fritos)
  • calamares fritos, calamares a la romana o rabas, anelli di calamaro fritti
  • pinchos (o pintxos in basco), stuzzichini realizzati con vari ingredienti, infilzati con uno stuzzicadente e collocati su una fetta di pane
  • patatas bravas, patatas a la brava o papas bravas, patate fritte accompagnate da una salsa piccante a base di pomodoro e cayenna
  • insalata russa (ensalada rusa o ensaladilla)
  • carne mechada, carne cucinata a fuoco lento, tenera come una bistecca.
  • chopitos o puntillitas, piccoli calamari fritti
  • polipo alla galinziana (pulpo a la gallega in spagnolo, polbo á feira o pulpo á feira in galinziano), polipo bollito e condito con olio d’oliva, sale e paprica.
  • crocchette (croquetas) di patate con pollo o prosciutto

Vediamo nel dettaglio alcune ricette quindi:

OLIVE: prendete in gastronomia quelle ripiene con del peperone, andranno bene.

ALMENDRAS FRITAS(2)ALMENDRAS FRITAS: è un piatto estremamente facile. Prendete delle mandorle spellate e fatele saltare per qualche minuto in padella con un po’ di olio di oliva. State attenti che non si brucino pero’. Poi con l’aiuto della carta assorbente tamponate l’eccesso di olio e quindi salatele.

–  PINCHOS: si tratta di fette di pane con sopra  uno o più ingredienti (i più diffusi sono prosciutto, formaggio, pesce, olive, tortilla de patatas, peperoni, ) e fermati con uno stuzzicadente. Qui potete spaziare tranquillamente con la fantasia.

309593774orio_restaurante_pintxos_gastronomia_vasca

6a013487d45991970c014e8756dfbb970d-800wiCHOPITOS: si tratta di piccoli calamari fritti.

ingredienti: ½ kg di calamari, 150 gr farina, 2 uova, 1 bicchiere di vino bianco, 1 cucchiaino di lievito in polvere

Preparazione: pulite  i calamari e tagliateli ad anelli. Metteteli in una ciotola, irrorareticon succo di limone e un poco di olio d’oliva. Lasciateli macerare per ½ ora. Battete a neve gli albumi. Incorporate delicatamente la farina mista con il lievito. Aggiungete i tuorli, il vino bianco. Mescolare. Lasciar riposare un ora. Passate gli anelli nella pastella. Friggete in olio profondo.

green-aioli-su-1027051-lSALSA AIOLI: la potete usare per condire le fette di pane e viene usata anche nella preparazione delle patate bravas

Ingredienti: 2/3 spicchi d’aglio, sale, 1 tuorlo d’uovo, l’olio d’oliva, un po ‘di succo di limone o aceto.

Preparazione: Sbucciate l’aglio e tagliatelo a pezzettini. Pestate quindi  l’aglio appena tagliato e un pizzico di sale con un mortaio fino a che non sarà omogeneo. (Aggiungete il tuorlo d’uovo e una spruzzata di limone/aceto se si preferisce questa versione). Aggiungete l’olio d’oliva in piccole dosi e girate sempre con continuità fino a che la salsa non verrà montata.

albondigas

ALBONDIGAS

Ingredienti: 300g carne di manzo macinato , 1 uovo , mollica di pane raffermo q.b. , 1 spicchio aglio, 1 mazzetto di prezzemolo , pangrattato q.b. , farina , paprika, sale,  1 cipolla, polpa di pomodoro, olio evo

Preparazione: in una terrina di vetro mescolate la carne con il pane (messo prima in ammollo nel latte e strizzato), l’uovo, il prezzemolo tritato insieme all’aglio tritato, la paprika, il sale. Se l’impasto risultasse troppo morbido aggiungete qualche manciata di pangrattato fino a ottenere un composto abbastanza denso per  poterne ricavare delle polpette. Formate delle polpette e passatele nella farina versata in un piatto. Scaldate l’olio e friggete le polpette, poche per volta, finché non saranno dorate. Scolatele su carta da cucina. Per il sughetto: tritate finemente la cipolla, farla rinvenire a fuoco basso con un filo di olio d’oliva finché non diventa morbida, aggiungete poi la polpa di pomodoro, il sale e pepe e lasciate cuocere a fuoco basso finché la salsa non si addensa. Infine, aggiungete le polpette nella padella con la salsa, mescolate e fatele scaldare per qualche minuto prima di servirle. Potete tranquillamente preparale prima e scaldare poco prima di servirle. Attenzione perchè l’aglio si sente parecchio 😉

CROQUETAS

Ingredienti:  200 gr di prosciutto crudo, 6 cucchiai di olio d’oliva (o burro), 3 cucchiai di farina, 2 bicchieri di latte, mezza cipolla, sale, un uovo, pan grattato, olio per friggere.

Preparazione:  soffriggete la cipolla o fuoco medio e ritiratela quando prende colore. Nello stesso olio tostate la farina. Aggiungete il prosciutto e quando si saranno ben integrati aggiungete il latte e girate lentamente e con una certa continuità. Mettete  poco sale perché già il prosciutto rilascia il suo sale. Bisogna aspettare che la besciamella si condensi come se fosse una pasta, dopodiché si può stenderla fuori dalla pentola per farla raffreddare. Quando sarà abbastanza fredda si possono modellate le crocchette; impanatele con uovo e pangrattato quindi potete friggerle.

Plato_de_patatas_bravas– PATATAS  BRAVAS

Ingredienti: patate, olio, paprika, maionese, aglio, limone

Preparazione: pelate le patate, lavatele bene ed asciugatele bene. In una padella mettete olio e paprika abbondante (l’olio deve diventare rossiccio). Cucinate le patate aggiuntando il sale: la ricetta originale prevede che vengano fritte, in ogni caso è fondamentale la crosticina. Intanto preparate la salsa: prendete 4 spicchi d’aglio e tritateli finemente, aggiungete il succo di limone di 1/2 limone e 250gr di maionese (viene tantissima salsa che poi potete conservare). Con un cucchiaio versare la salsa sulle patate creando dei disegni geometrici.

TORTILLA DI PATATE

Ingredienti:  6 uova, 500g di patate, 100gr di parmigiano grattugiato, un ciuffo di prezzemolo,  una spolverata di noce moscata, 4-5 cucchiai di olio di oliva, sale, pepe.

Preparazione: sbucciate le patate  tagliandole a fette dello spessore di circa 1 cm . Intanto mettete sul fuoco una casseruola con dell’acqua salata, quando l’acqua IMG_3541bolle versateci all’interno le patate  così tagliate e lasciatele cuocere per una  decina di minuti. State attenti che le patate non si rompano o frantumino durante la cottura. Quindi scolatele e lasciate raffreddare. Intanto in una ciotola capiente sbattete le uova, aggiungete il parmigiano, la noce moscata, il prezzemolo tritato , aggiustate di sale e di pepe, in ultimo aggiungete le patate ben scolate e intiepidite. Mescolate il tutto. Fate scaldare l’olio in una padella che abbia un diametro di circa 24-26 cm, una volta che l’olio sarà caldo versate il composto, lasciate cuocere la frittata con le patate per 10-15 minuti a fuoco medio coprendola con un coperchio. Ondeggiate la padella  di tanto in tanto, quando la frittata si stacca dal fondo è pronta per essere girata, fate questa operazione cautamente aiutandovi con il coperchio. Fate cuocere per 10-15 minuti anche dall’altro lato, ma questa volta senza coperchio. Una volta che la frittata con le patate sarà cotta, servitela su un piatto da portata. La frittata con le patate sarà ottima mangiata sia calda che fredda.

IMG_1400_edited-1Infine prepariamo una paella. Ce ne sono di diversi tipi, io preferisco quella di pesce (de marisco) e vi propongo sotto la ricetta. E’ abbastanza complessa.

INGREDIENTI

Riso arborio 400 gr, Cozze 500 gr, Calamari 500 gr,  Pomodori passata 200 ml, Scampi 4, Gamberi gamberoni 8, 1 grossa cipolla, due spicchi d’aglio, 8 cucchiai di olio extravergine di oliva, 2 bustine di zafferano, 1 cucchiaio di paprika dolce, ½ cucchiaino di peperoncino in polvere, 1,2 litri di fumetto di pesce disidratato

PREPARAZIONE

Preparate il fumetto di pesce e tenetelo in caldo. Pulite gli scampi e apriteli con l’aiuto di un paio di forbici partendo dalla coda con un taglio che arrivi fino all’inizio della testa; fate dischiudere le cozze in una pentola  e copritele con un coperchio in modo che rilascino il loro liquido. Versate l’intera quantità di olio nella paella e scaldatelo a fuoco medio, aggiungete gli scampi e i gamberoni e fateli dorare un paio di minuti per lato; toglieteli con delle pinze e teneteli al caldo su un piatto, tagliate grossolanamente la cipolla e gli spicchi di aglio e metteteli nel mixer , tritate finemente e fate imbiondire il trito nella paella per almeno 5 minuti a fuoco dolce, così che non bruci; aggiungete i calamari tagliati ad anelli e fateli cuocere per 5-10 minuti (il tempo varia a seconda della grandezza). Trascorso questo tempo, versate la passata di pomodoro e le spezie; mescolate con un cucchiaio  e lasciate sobbollire un paio di minuti. Intanto versate le cozze in un colino così da filtrare il liquido e tenetele da parte al caldo. Ora aggiungete il liquido: avrete pesato il liquido delle cozze, togliete dal totale del fumetto lo stesso peso del liquido delle cozze e sostituitelo con quest’ultimo in modo da ottenere sempre la stessa proporzione di liquido totale per la cottura del riso, ovvero 1,2l. Versate anche il fumetto di pesce  e portate il tutto a leggero bollore, assaggiate e regolate di sale se necessario, quindi  unitevi il riso spargendolo bene per tutto il tegame, aiutandovi eventualmente con il cucchiaio di legno; da ora in poi non dovrete più mescolare il riso, che dovrà cuocere per assorbimento del liquido. Mantenete il fuoco vivace per i primi 7-8 minuti, poi abbassate la fiamma e proseguite la cottura a fuoco medio per altri 10 minuti. A 5 minuti dalla fine cottura unite i gamberoni  e gli scampi , disponendoli già con gusto nel tegame. Non mescolate il riso. Quando il riso sarà cotto, unite anche le cozze  che avete fatto dischiudere in precedenza; a piacere potete tenerne qualcuna con il suo guscio da usare come decorazione. Lasciate riposare il riso un paio di minuti, così che con la sua umidità e il suo calore anche quello sulla base della paella si stacchi bene. Servite la paella nel suo tegame.

Infine pensiamo al dolce, ovviamente l’ideale sarebbe la crema catalana o anche i Churros serviti con cioccolata calda o infine la torta andalusa (vi posto sotto le ricette). Ma per il dolce vi consiglio di non essere troppo intransigenti e di buttarvi su quello che vi piace. In ogni caso per rimanere fedeli al tema vi posto tre ricette.

Crema-catalana-de-huevo2– CREMA CATALANA

Ingredienti: 120 gr. di zucchero 30 gr. di maizena 500 ml. di latte 1 gr. di limone scorza1 gr. di vaniglia baccello cannella 4 tuorli d’uovo

Preparazione: Sciogliete la maizena con un po’ di latte. Versate il latte avanzato in una casseruola e aggiungete metà dello zucchero. Aromatizzate il latte con un po’ di cannella in polvere. Aggiungete una stecca di vaniglia togliendo con un coltello le bacche dall’interno. Grattate la buccia di un limone nel latte e portatelo ad ebollizione. Aggiungete lo zucchero ai 4 tuorli d’uovo e lavorare bene con una frusta. Aggiungete la maizena sciolta al composto. Filtrate il latte aromatizzato e versatelo a filo ancora bollente nel composto di uova e zucchero, poi mettetelo sul fuoco in una casseruola e portate ad ebollizione fino a che non si ottiene una crema densa. Versate la crema in delle ciotoline apposite e far raffreddare in frigo. Spolverate con zucchero di canna. Caramellate lo zucchero con una fiamma da chef fino ad ottenere una crosta di zucchero caramellato.

foodanddrink_churros– CHURROS:

Ingredienti: 200 ml di acqua, 120g di burro, 135g di farina, un pizzico di sale, 2 uova intere, 100g di zucchero, olio di semi. Per cospargere: 1 cucchiaio di cannella in polvere. 3-4 cucchiai di zucchero.

Preparazione: accendete il fuoco e scaldate l’acqua, aggiungete lo zucchero e fatelo sciogliere, aggiungete iun pizzico di sale e unite il burro.  Una volta che il burro si sarà sciolto aggiungete la farina, rimestate continuamente il composto per fare in modo che non si formino grumi . Lasciate cuocere sul fornello fino a che sul fondo della pentola non si sarà formata una patina bianca . A quel punto spegnete il fuoco e lasciate intiepidire il composto all’interno della pentola stessa. Quando si sarà raffreddato trasferitelo in una planetaria dotata di gancio per impastare  e inserite le uova (che dovranno essere a temperatura ambiente) (9).Incorporate un uovo, fatelo assorbire all’impasto  e poi aggiungete l’altro. Quando avrete ottenuto una pasta lucida e morbida allora sarà pronta e potrete trasferire la massa in una sac-a-poche dotata di bocchetta a stella di media grandezza. In un pentolino dai bordi alti fate scaldare l’olio portandolo a una temperatura di 170 gradi circa. Quando l’olio sarà caldo formate con l’aiuto di una sac-a-poche spremete l’impasto direttamente nel pentolino così da formare dei bastoncini della lunghezza di 10 cm circa, tagliando l’estremità con la punta di un coltellino  intinto nell’olio (così l’impasto non rimarrà attaccato alla lama). Fate cuocere i churros 2-3 minuti rigirandoli per fare in modo che si dorino perfettamente . Una volta pronti scolateli e fate assorbire l’olio su un foglio di carta assorbente. Quindi preparate una ciotola unendo 3 o 4 cucchiai di zucchero e la cannella e ricoprite ogni churros. Ecco ora i vostri churros sono pronti per essere gustati, saranno ancora più buoni se mangiati tiepidi e serviti con cioccolata calda

– TORTA ANDALUSA:

Ingredienti:

Per la pasta: 1 tuorlo d’uovo, 60g di zucchero, 125g di burro, 2 cucchiai di acqua, 1 cucchiaino di arancia grattugiata; per la frutta cotta: 500g di mele, 75g di zucchero. Per la guarnizione: 2 arance, 3 cucchiai di albicocche, 1/2 di limone.

Preparazione: mescolate in una insalatiera il rosso di uovo, lo zucchero, la farina e il burro.  Lavorate a mano la pasta fino a che assuma un aspetto sabbioso. Aggiungete l’acqua e la buccia di arancia grattugiata, rendete la pasta omogenea e lasciatela riposare. Nel frattempo far cuocere le mele con lo zucchero fino ad ottenere un insieme compatto. Stendete la pasta in una teglia e mettere al forno per 10 minuti circa. A questo punto aggiungete la frutta cotta sulla pasta e rimettere al forno per 10/15 minuti, fino a che la pasta e la frutta siano dorate. Lasciate intiepidire, sbucciate le arance, tagliate in sottili dischetti e disporle sulla torta. Far bollire per qualche minuto la marmellata di albicocche con il succo di limone e l’acqua; quindi versare sulla torta.

Infine passiamo alle bevande. Non puo’ assolutamente mancare la sangria che vi consiglio di preparare, in grandi quantità perché avrà molto successo, qualche ora prima. Ecco la ricetta che in genere io seguo:

sangriaIngredienti: (dosi per 4 persone): 1 l. di vino rosso secco (tipo Cabernet, Merlot, Barbera, Chianti) , 40 ml. di rum, 40 g. di zucchero semolato, una stecca di cannella (mi raccomando non cannella macinata), una arancia, un limone, una mela, una pesca gialla, 4 chiodi di garofano

Preparazione: lavate e sbucciare la pesca e la mela, quindi tagliarne la polpa a cubetti e disporre quest’ultimi in una terrina; aggiungervi il rum, lo zucchero, mescolare bene fino a completo scioglimento di quest’ultimo e fare insaporire per un’ora. Lavate il limone e l’arancia, quindi sbucciate gli agrumi al vivo e tagliarli a fettine sottili. Versare il vino in una grande caraffa ed aggiungervi 4-5 fettine di arancia, 1-2 fettine di limone, la stecca di cannella e i chiodi di garofano; lasciate insaporire per un’ora. Trascorso questo tempo, eliminate le spezie e versare nella caraffa tutto il contenuto della terrina.Tenete la sangria in frigorifero per 3-4 ore, quindi servirla dopo aver messo nei bicchieri dei cubetti di ghiaccio.

Ora passiamo all’allestimento. Direi innanzitutto di puntare su colori caldi, quindi al bando i colori pastello piuttosto che il bianco. Nel caso teniate una cena al tavolo potete tenere il vostro tavolo di legno in bella vista magari usando delle tovagliette  all’americana(meglio se sono in raffia e quindi piu’ rustiche) e dei tovaglioli nei toni del rosso scuro, oppure un verdone o anche un color senape. Potete usare anche dei runners. I piatti non devono essere leziosi pertanto se non avete niente di rustico piuttosto usate quelli bianchi. Le terrine dove servirete le tapas dovrebbero essere di terracotta, in alternativa usate anche piatti di diversa fattura. Create un’ambiente conviviale! Al centro della tavola mettete molte candele e magari dei fiori tipo dei garofani nei toni del giallo e del rosso. Se amate le tovaglie potete usarne una sempre dai colori caldi abbinandoci sopra un runner magari arancione o rosso scuro.

Vi posto alcune foto:

mld106444_0311_a100813_garden_party_table_vert

Table setting once wed

sangria-and-tapas-party

Stessa cosa dicasi per il buffet. Andrebbe preparato seguendo le indicazioni di cui sopra ed ovviamente seguendo i suggerimenti riportati in questo articolo su come preparare un buffet.

Non fate mancare il Menu, meglio se scritto in Spagnolo (magari tra parentesi traducete in italiano il significato dei piatti e descrivetene una breve storia).

In casa non fate mancare molte candele che donano una calda atmosfera.

Buon divertimento!

Eva D’Angiola

Logo The WeddingEve
The WeddingEve – Wedding Planner Milano
info@theweddingeve.it