Questione di Tempo

Cosa accadrebbe se poteste rivivere ogni momento della vostra vita? Ve lo siete mai chiesti?

Adoro le commedie romantiche, quelle con una certa “verve”, che sono capaci di emozionare ma che sanno anche far sorridere.

Chi di voi non conosce film come Notting Hill, Quattro Matrimoni ed un funerale oppure Love Actually? Il comune denominatore e’ proprio il romanticismo misto ad una sottile comicità che ne fanno, per chi ama il genere, dei classici.

Dietro questi successi c’e’ Richard Curtis che ne è lo sceneggiatore e regista.

Proprio in questi giorni ho potuto vedere in anteprima il trailer del suo ultimo film: Questione di Tempo distribuito dalla Universal Pictures. La protagonista è Rachel McAdams. Forse la ricorderete per il ruolo dell’antipatica fashionista Regina in “Mean Girls”; io personalmente l’ho adorata in film come: “La memoria del cuore”, “Il buongiorno del mattino”, “Un’amore all’improvviso” (che vi consiglio assolutamente di vedere!).

Torniamo al film in uscita il 7 novembre nelle sale italiane. I temi sono diversi e coinvolgenti: ovviamente c’è la storia d’amore ma sono presenti anche forti valori come quello della famiglia, il rapporto intenso tra le persone, un matrimonio fuori dalle righe, il tutto avvolto dalla calda atmosfera british e dai meravigliosi paesaggi di una adorabile Cornovaglia shabby-chic.

Il protagonista, Tim, ha il dono di “viaggiare nel tempo” che gli permette di rivivere le situazioni più imbarazzanti, scomode o addirittura disastrose per “rifarle” in modo più appropriato. Tutto in una atmosfera frizzante e coinvolgente come solo Richard Curtis sa fare e che pone dei serissimi spunti di riflessione.

Questione di Tempo è una commedia che parla dell’amore e del potere dei viaggi temporali e che insegna che in fondo per vivere una vita piena e soddisfacente non c’è bisogno di viaggiare nel tempo ed aggiustare quello che pensiamo possa essere aggiustato.

Potete vedere il trailer qui sotto

Lo consiglio vivamente alle persone romantiche ma anche spiritose (perché non andarci con il proprio fidanzato o con le amiche?) e colgo l’occasione per invitarvi a riflettere sul tema: se poteste rivivere un momento, quale sarebbe? E cambiereste qualcosa?

Io sono una persona che in genere non si guarda mai indietro ma questo film mi ha dato lo spunto per guardare le situazioni dal loro lato migliore per poter poi guardare al passato pensando che tutto sommato non cambierei nulla, perché sono riuscita a vivere appieno ogni momento… Come farebbe qualunque sposa il giorno del suo matrimonio, no? 😉

E voi? Vi va di scrivermi quale tema rivivreste?

Eva D’Angiola

Logo The WeddingEve
The WeddingEve – Wedding Planner Milano
info@theweddingeve.it

Tableau de Mariage tema Farfalle

Tableau Farfalle - The WeddingEve Wedding Planner MilanoQuesto semplice Tableau l’ho realizzato qualche settimana fa’… Quello delle farfalle è un tema che va molto ed anche se andiamo verso l’autunno voglio condividerlo con voi. Ho altre idee in proposito e quando ne avrò l’occasione ne approfitterò.

In questo caso si tratta di sagome di farfalle appese ai rami di un albero, con il filo di nylon, da cui scendono dei nastri che sostengono i cartoncini con i nomi degli invitati.

Ogni farfalla – quindi devono essere di colore differente – rappresenta un tavolo.

Materiale:

  • cartoncini bianchi
  • nastri colorati
  • filo di ferro per  giardinaggio
  • filo di nylon trasparente
  • forbici
  • colla
  • nastro adesivo

Procedimento:

Scegliete delle immagini di farfalle che vi piacciono e stampatele, in doppia copia, sul cartoncino. Ogni sagoma deve essere grande come metà di un cartoncino A4.

Ritagliate le sagome e dietro ognuna (la copia tenetela da parte) incollate dietro, con l’aiuto del nastro adesivo, due pezzetti di filo di ferro per formare le antenne. A metà della sagoma (sempre nel retro) fissate un’estremità del nastro che deve essere lungo dai 70 cm al metro, dipende quanti invitati avrete per ogni tavolo. Infine fissate un filo di nylon trasparente che vi servirà per legare la farfalla all’albero.

Tableau Farfalle - The WeddingEve, Wedding Planner Milano

Su delle sagome di cartoncino circolari – o a forma di fiore come ho fatto io – scrivete i nomi dei vostri ospiti e fissateli con l’aiuto della colla sul nastro a distanza regolare gli uni dagli altri. L’ultimo cartoncino chiuderà il bordo finale del nastro.  Utilizzate altre sagome ed incollatele su quelle fissate sul nastro, in modo da nasconderlo. A questo punto incollate dietro la farfalla la seconda copia della sagoma che avete tenuto da parte in modo da nascondere il materiale fissato al cartoncino.

Eva D’Angiola

Logo The WeddingEve
The WeddingEve – Wedding Planner Milano
info@theweddingeve.it

Il Wedding Web Site

In questi giorni una deliziosa coppia di futuri sposi di New York, per i quali sto organizzando il matrimonio in Italia, mi ha fatto vedere il sito che hanno creato per il loro matrimonio. L’ho trovato stupendo! Ovviamente c’è da chiarire che sono due grafici – pertanto sono sicuramente avvantaggiati – ma questo mi ha ispirato nello scrivere questo articolo perché il Wedding Web Site è uno strumento davvero utile per tutte le coppie di sposi.

Per quanto riguarda le partecipazioni sono molto tradizionalista e legata al galateo: a mio avviso è meglio non usare il web ma la classica consegna a mano ad eccezione degli invitati lontani a cui andrebbe spedito l’invito per posta.

Quindi dobbiamo capire a cosa serve il Wedding Web Site : principalmente  a dare dettagli sul matrimonio come il programma, gli orari, le locations, indicazioni sul dress code e magari anche sui regali di nozze. Questi siti possono poi raccogliere anche alcune citazioni degli sposi, i pensieri degli amici e parenti e soprattutto foto! Foto della coppia accompagnate magari a dettagli della loro storia per far sentire più partecipi gli invitati.

Come aprire un sito? Ci sono tantissimi modi se non ci si vuole rivolgere ad un professionista:

– innanzitutto ci sono moltissimi web site che propongono la costruzione (con il pagamento di un canone) di un facile sito web online

– i più avvezzi alla tecnologia possono acquistare un dominio e dotarsi di un programma di editing (io uso Magix, conveniente e molto duttile)

– ci sono anche siti, stranieri in questo caso, dedicati proprio agli sposi che vogliono creare il proprio sito:

http://imcreator.com/, http://weduary.com/, http://www.appycouple.com/http://www.ewedding.com/

– in ultimo, ma non meno utile o frequente, potete aprire un blog. Potete usare WordPress (come Appunti di Matrimonio.com) oppure con Blogger – di Google.

Il sito deve essere creato qualche mese prima del matrimonio e puo’ essere tenuto in vita fino a qualche mese dopo, magari per raccogliere le foto e i commenti dei vostri ospiti.

Sarebbe meglio che l’indirizzo del sito contenesse il nome degli sposi pero’  ci si puo’ anche divertire: magari puo’ contenere una citazione,  una frase che lega gli sposi oppure i soprannomi che vi date possono andare bene. Ricordatevi che è una cosa molto personale e vi deve rappresentare.

Che informazioni dare?    wedding website

Prima di tutto un programma della giornata, ovvero dove si terrà la cerimonia e l’orario. Poi dove seguirà il ricevimento. Il tema dell’evento: in questo caso potete indicare anche il dress code, ovvero l’abbigliamento che suggerite agli ospiti. Per esempio per un matrimonio in stile vintage piuttosto che campagnolo è bene che gli ospiti sappiano che tipo di vestiti indossare.

Un’altra sezione può ragguagliare gli ospiti su come raggiungere le varie locations con una mappa interattiva ma anche con indicazioni sui treni, i  vari mezzi di trasporto o un accenno ad un bus shuttle noleggiato per l’evento – e quindi il punto di ritrovo – e magari indicazioni su dove pernottare per gli ospiti che giungono da lontano.

Una parte del sito può essere dedicata alla lista nozze. E’ importante far capire agli ospiti che la loro presenza sarà il primo graditissimo regalo ma se vogliono possono generosamente contribuire alla vostra lista nozze (che ultimamente si concentra sempre di più sulla luna di miele). Personalmente penso che quando non ci si appoggia ad un’agenzia specializzata in viaggi  sia una buona idea quella di costruire il proprio viaggio sul sito, in modo da rendere gli ospiti partecipi, e poi in fondo dare le indicazioni su come possono contribuire (in genere con un bonifico). Potete descrivere le varie tappe del viaggio accompagnandole da foto e dettagli.

RSVP: il galateo vuole che gli ospiti diano risposta circa la loro presenza al ricevimento. Questo in genere avviene di persona o per telefono ma non mi dispiace la possibilità che possano farlo attraverso un apposito form che trovano sul vostro sito (magari indicando anche eventuali esigenze o intolleranze alimentari che il Catering dovrà conoscere).

La storia dei fidanzati: una sezione potete dedicarla a voi stessi. Chi siete, come vi siete conosciuti e come è nato e cresciuto il vostro amore. Potete usare immagini, testi di canzoni e tutto quello che vi lega.  Alcuni fotografi offrono ai fidanzati, qualche mese prima dell’evento, una mezza giornata di sessione fotografica da tenersi in un luogo pittoresco: un bosco, il mare, la campagna o il vostro luogo preferito. Le foto rappresenteranno la fase del fidanzamento e saranno belle da vedere ed arricchiranno il sito.

In ultimo potete dedicare una sezione alle FAQ: domande e risposte che secondo voi potrebbero interessare i vostri ospiti. Per esempio perché proprio in quella chiesetta o perché avete scelto quel tema per il ricevimento.

Per ora non mi viene in mente altro ma se avete suggerimenti per arricchire l’articolo sono bene accetti!

Eva D’Angiola

Logo The WeddingEve
The WeddingEve – Wedding Planner Milano
info@theweddingeve.it

Il libro degli ospiti fotografico

Oggi vi parlerò di questa bella usanza: “il Libro degli Ospiti”. Per chi non lo sapesse è un libro in cui gli ospiti scrivono dei pensieri agli sposi durante il giorno del matrimonio. Questo libro sarà conservato poi dagli sposi come ricordo della giornata.

Normalmente è un bel libro finemente rilegato, magari in tema con i colori del matrimonio, ed accompagnato da una bella penna. Si posiziona in un posto facilmente accessibile agli ospiti – una buona collocazione può essere non distante dalla confettata ed in ogni caso in un posto di passaggio – e con una scenografia che li invogli a lasciare un pensiero.

Ci sono pero’ molti modi per rendere divertente questa simpatica usanza.

Questa volta voglio parlarvi del GuestBook Fotografico:  si può collocare una polaroid accanto al libro dando indicazioni agli ospiti di fotografarsi e stampare la foto. Sarà molto divertente per gli ospiti giocare a fotografarsi, magari con pose divertenti, stampare ed attaccare la foto ed accompagnarla con una frase adeguata. Dite la verità, voi non vi prestereste a questo gioco?

Per esempio potete decorare il libro stesso con delle cornici disegnate ove possono essere collocate le foto appena scattate:

Oppure gli ospiti possono fotografarsi e scrivere il loro pensiero dietro la foto che verrà appesa insieme ad altre su un filo adeguatamene posizionato in modo che anche gli altri ospiti possano vederle:

Potete invogliare gli ospiti anche con un invito in cornice:

In questo caso si invitano gli sposi a rimpiazzare il cartoncino con il loro nome con una foto “sorridente”.

Potete provvedere anche fornendo degli oggetti simpatici come cappellini, occhiali, nasi o baffi finti. Creare un luogo, magari provvisto di una cornice vuota , che funge da set. Non dimenticate che gli ospiti durante i matrimoni hanno voglia di divertirsi, soprattutto i giovani, e questi sono ottimi spunti. Lo saranno anche per gli ospiti più  “grandi”.

Più avanti vi illusterò altri modi per presentare il vostro Libro Degli Ospiti.

Eva D’Angiola

Logo The WeddingEve
The WeddingEve – Wedding Planner Milano
info@theweddingeve.it