Tableau Mariage a forma di cuore 2

Ancora una volta Martha Stewart è di ispirazione. Del resto ci avviciniamo al periodo dei matrimoni e bisogna essere pronti.

Questa vecchia idea per decorare una finestra puo’ essere a mio parere The WeddingEve - Wedding Planner Milanoutilizzata per costruire un “tableau Mariage” a forma di cuore davvero inusuale e carino.

Si tratta di diversi cuori colorati fatti con, pensate un po’, carta forno e pastelli. Questo dona loro questo effetto “trasparente”… Con un pennarello nero ed indelebile potete scrivere sopra quelli piu’ grandi il nome del tavolo e degli ospiti… Quelli piu’ piccoli fungeranno da decorazione e riempitivo.

Qui di seguito il procedimento:

Occorrente:

  • pastelli di cera colorati
  • carta da forno
  • carta da pacchi
  • forbici
  • ferro da stiro
  • nastri colorati

Procedimento:  


Iniziate con un foglio di carta da forno  30 x 40 cm. Piegatelo a metà nel senso della lunghezza poi riapritelo e stendetelo. Distribuite dei trucioli dei pastelli di cera (fatti con un temperino portatile)  in   modo uniforme ma in uno strato non troppo spesso su metà della carta.  Sui diversi fogli usate diversi tipi di colore – simili tra loro. Piegare la parte pulita della carta su quella con i trucioli. Chiudere  i tre bordi aperti con una piega di 3 o 5 cm per contenere e non far fuoriuscire i trucioli. Proteggete il piano da stiro  con la carta da pacchi. Posizionate la carta da forno sulla carta da pacchi, e coprire con un altro foglio di carta da pacchi. Passate leggermente il ferro da stiro a media temperatura controllando dopo poche passate se la cera risulta totalmente fusa. Altrimenti continuate fino alla conclusione del processo. Lasciate raffreddare e poi togliete la carta. Tracciate e ritagliate cuori di varie dimensioni; fate un buchino al centro ed in alto in modo da poterci passare un filo di seta e poterli appendere.

The WeddingEve - Wedding Planner Milano  The WeddingEve - Wedding Planner Milano

Eva D’Angiola

The WeddingEve – Milano

Scrivimi: info@theweddingeve.it

 

Trash the Dress

Ne ho sentito parlare per la prima volta da un fotografo molto famoso che opera principalmente a Milano ma che ha sedi sparse in tutta Italia.

The WeddingEve - Wedding Planner Milano

photo credit: Bobbi and Mike Photography

Ovviamente questa pratica nasce negli USA, patria delle “stranezze”. In altre parole gli sposi, qualche giorno dopo il matrimonio, indossano nuovamente i vestiti della cerimonia e fanno un altro servizio fotografico dove lo scopo principale è fare alcune attività senza riguardi per il favoloso abito da sposa che magari sognavamo fin da piccole.

The WeddingEve - Wedding Planner MilanoEd allora vai di tuffi in piscina, al mare, cavalcate, giochi con i colori, passeggiate nei luoghi piu’ strani (magari vecchi edifici industriali abbandonati), tutto senza il minimo riguardo verso il vestito che a fine giornata si troverà sicuramente in condizioni che non ne permetteranno il riutilizzo.

L’obbiettivo è ovviamente avere un servizio fotografico fuori dai canoni. Perchè se durante la cerimonia e la festa, per quanto belle, avremmo comunque foto piu’ statiche e convenzionali durante questi servizi si puo’ osare di tutto. Nella filosofia americana del resto si insinua il pensiero, forse scaramantico, che dopo aver finalmente celebrato il matrimonio il vestito comunque non verrà piu’ riutilizzato.

Trash the Dress dovrebbe essere nato negli USA circa una decina di anni fa’. Chi sostiene a Las Vegas chi invece a Hollywood quando Meg Cummings durante un tramonto spettacoloso corse in mare con il suo abito da sposa dopo che la cerimonia fu’ bruscamente interrotta.

In ogni caso so che anche in Italia alcuni fotografi fanno questo tipi di servizi… Sempre che abbiate il coraggio poi di buttare il vostro abito ma, diciamoci la verità, poi rimarranno delle foto che ci accompagneranno sempre nei nostri ricordi 😉

Eva D’Angiola

The WeddingEve -Wedding Planner Milano

Scrivimi: info@theweddingeve.it